Archivio dell'autore: contrattisti

Condizioni lesive della dignità: una proposta o un’imposizione?

Le condizioni contrattuali che riteniamo lesive della nostra dignità professionale e personale, sono proposte o imposte? A questo punto, non è difficile dire che sono un’imposizione: ecco perché ti chiediamo di aderire alla nostra protesta. Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in generale | Contrassegnato , | Lascia un commento

Quelli che insegnano (a contratto) all’università.

Non siamo una casta, mettiamo al servizio dell’ateneo competenze e professionalità e siamo ricompensati con un trattamento umiliante: ecco perché ti chiediamo di aderire alla nostra protesta. Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in generale | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Le motivazioni della protesta

La forza della protesta ha origine dalla sua stessa base di partenza: il rispetto per noi stessi per per gli studenti che non vogliamo tradire. Ecco perché ti chiediamo di aderire alla nostra protesta. Continua a leggere

Vota:

| 1 commento

La gerarchia accademica: signore, vassalli, valvassori e valvassini

Una breve panoramica sulle diverse categorie del sistema universitario all’interno delle quali si può inserire la figura del professore, a partire dall’ordinario scendendo fino al contrattista. Un articolo utile per capire l’ennesimo motivo per cui ti chiediamo di aderire alla nostra protesta. Continua a leggere

Vota:

| Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Deming e Great Place to Work Institute

Alcuni principi fondamentali per la gestione di una qualsiasi organizzazione che ci sembrano disattesi e per cui ti chiediamo di aderire alla nostra protesta. Continua a leggere

Vota:

| Contrassegnato , | Lascia un commento

Quale diritto allo studio oggi?

Che cosa intendiamo per “diritto allo studio” in senso pieno e concreto noi contrattisti: uno dei motivi per cui condividere la nostra protesta significa anche sostenere la qualità del mondo dell’università e quindi del lavoro. Continua a leggere

Vota:

| Contrassegnato , | Lascia un commento